GEMBOY LUCIANO LYRICS

Buongiorno, buongiorno, io sono Luciano
io ero un bambino col babbo ortolano
un giorno alla maestra ho portato una mela
lei ha detto: "Grazie!" e m'ha dato un bacio qua.
Io penso: "Ho capito!", sorrido e torno al banco
e intanto la fissavo ed ero contento
il giorno dopo infatti le ho portato un cocomero
l'ho messo sulla cattedra aspettavo il suo
ritorno
Lei sai cosa mi dice? Neanche mi guardava,
fumava rosmarino, non so con chi parlava.
"Grazie Luciano, adesso vai a posto
che lo mangiamo dopo a**ieme a tutti gli altri"
Cogliona, cogliona, cogliona la maestra!
(Cogliona, cogliona, cogliona la maestra!)
Poi sono andato al bagno, ricordo che piangevo
incontro la bidella e le racconto tutto
lei mi stringe al petto e mi dice "Poverino,
in cambio di un cocomero ti do sti due meloni"
Strilla, strilla la bidella,
strilla che le faccio male,
vedete bambini, vedete bambini
non si possono morsicare!
Prendetele in mano, stringetele piano piano
e datele i baci, e datele carezze,
e sentirete che sinfonie!
Cadon le mammelle, è buio e non ci vedo
e questi due meloni son davvero grandi
sono esperienze che ti posson segnare,
mi mancava l'aria, non riuscivo a respirare.
E a 9 anni ero quasi morto:
ero in ospedale per un attacco d'asma,
giuravo a me stesso che a nessuna donna
avrei più regalato né frutta né verdura!
(Ta na na na, ta na na na)
(Ta na na na na na, ta na na na)
E l'infermiera, l'infermiera m'ha salvato:
"Qui c'ho un gran bel gioco,
se vuoi ci puoi giocare.
La terra ha i suoi frutti, e i frutti sono tanti,
basta saperli cogliere, a**aggiali e impara!"
Buongiorno, buongiorno, io sono Luciano
e questa mattina ho toccato con la mano
sotto la gonna dell'infermiera!
Sorrido, prendo un foglio,
scrivo "W LA PATATA!"