M.CAMBRI PRÏA NEIGRA LYRICS

Prïa neigra

Arrio da donde o mâ o l'arria
Co-e urtime so goççe de savoio
Da donde a feuggia a-o scioco
bagascia a mostra a pansa
da donde d'aegoa e vin no n'avansa
Arrio da donde d'inverno o bosco o s'afferma
incantou da-a galaverna

E vitte imprexionae
da-o marmo di lavelli
da-o muccio in ti cavelli
e vitte imprexionae.

Arrio da donde scigoa a reua in sce-a straffia
e o feugo o conta foe a chi l'ammia
da donde s' ïsa o becco d'o penacco
da donde ogni paise g'ha o so matto
Arrio da donde a seppa d'oia a s'accobbia
con a sciamma da nissoua
e vitte imprexionae
dall'alleugâ dinae
da cantie de pepê
e vitte imprexionae

Prïa neigra
che o meistro o sa spaccâ
Prïa neigra i schaen d'a scâ
Prïa neigra e ciappe do portâ
Prïa neigra coverte e cà

E lê e lê a l'orriae anâ
a ammiâ o mâ ingoâ o so
e lê e lê a l'orriae anâ
solo pe amô êse baxiâ
e lê e lê a l'orriae anâ

Arrio da donde derrê a-a gioxia
Ascosi aggoeitan da-a fessua
da donde e curve chì semmo piggiale
ne sbraggia e gomme in braçço a-a provinciale
Arrio da donde e figge cian sligan e coe
in sce-a fiumana de sett'oe

E vitte imprexionae
da o fâ fadiga a anâ
da o fâ fadiga a amâ
---------------------------------

Pietra nera*

Arrivo da dove il mare arriva
con le ultime sue gocce di salato
Da dove la foglia allo scirocco
bagascia mostra la pancia
da dove l'acqua e il vino non avanzano
Arrivo da dove d'inverno il bosco si ferma
incantato dalla galaverna

E vite imprigionate
dal marmo dei lavandini
dalla crocchia nei capelli
e vite imprigionate

Arrivo da dove fischia la ruota sulla teleferica
e il fuoco racconta favole a chi lo guarda
da dove si alza il becco della roncola
da dove ogni paese ha il suo matto
Arrivo da dove il ceppo dell'ulivo si accoppia
con la fiamma del nocciolo
e vite imprigionate
dal metter da parte denaro
da cassetti pieni di carte
e vite imprigionate

Pietra nera
che il maestro sa spaccare
Pietra nera gli scalini della scala
Pietra nera le lastre del portale
Pietra nera coperte le case

E lei e lei vorrebbe andare
a guardare il mare ingoiare il sole
e lei e lei vorrebbe andare
solo per amore essere baciata
e lei e lei vorrebbe andare

Arrivo da dove dietro le imposte
nascosti sbirciano dalla fessura
da dove le curve qui sappiamo prenderle
ci sgridano le gomme in braccio alla provinciale
Arrivo da dove le ragazze piano slegano le code
sulla corriera delle sette

E vite imprigionate
dal far fatica ad andare
dal far fatica ad amare

* ardesia
---------------------------------